Italiano

OUTDOOR ITINERARI

 

Alpicella
Monte Beigua

 

 

Difficoltà:  E
Dislivello in salita:  884 m
Tempo di percorrenza:  2.45-3.15 ore
Segnavia: triangolo rosso vuoto
È la via più diretta per salire da Alpicella al Monte Béigua. Si cammina in gran parte fra boschi, prima di castagni e poi di pini e faggi, ma s’incontrano anche radure che offrono bei panorami.
Accessi: 
a) In autobus da Varazze ad Alpicella.
b) In automobile: da Varazze si prende la strada provinciale per Sassello; giunti alla frazione Pero si imbocca a destra la diramazione che sale ad Alpicella.

 

SCHEDA  TECNICA

 

Itinerario
Il percorso è interamente segnalato con un triangolo rosso vuoto. Dalla piazza di Alpicella (403 m) s’imbocca il vicolo tra le case a monte della piazza, si percorre per alcuni metri la rotabile del Beigua e si sale a destra una scalinata che, subito dopo, si trasforma in sentiero. Salendo verso nord si raggiunge una sterrata che si segue brevemente verso destra, poi si riprende il sentiero che sale nel castagneto incontrando il Nicciu du Briccu du Bruxin, singolare edicola votiva che ingloba nella parte inferiore un presunto menhir.
Giunti ad una casa, si sale su strada cementata, fino ad un bivio a quota 535. Continuando dritti su carrareccia s’incontra un altro bivio, dove si prende a destra un sentiero che s’innalza fra i castagni, fino ad incontrare un’antica mulattiera che si segue verso ovest. Giunti ad un bivio si gira a destra e, tagliando quasi in piano verso sud, si giunge su una sella prativa a quota 777, dove la vista si apre fino al mare. Qui si gira a sinistra per salire sull’ampia dorsale fino ad un ripiano a quota 900 circa, dove si trova un casolare in rovina.
Aggirata a sinistra la rocciosa anticima del Bric Montebè, si ritorna a destra sull’ampio crinale. Si attraversa il Piano della Luna tra erba e rocce affioranti, poi si contorna a sinistra il Monte Cavalli. Salendo per l'antica mulattiera fra boschetti e radure, si arriva nell’ampia conca detta Giare dell’Olio, dove sgorgano alcune sorgenti. Incrociata una carrareccia, si continua sul sentiero segnalato che s’innalza nella faggeta fino a sbucare, a quota 1170 circa, sulla strada asfaltata che collega Alpicella al Monte Béigua.
Si segue la strada verso destra fino all’area picnic del Pian di Stella (1229 m). Qui si prende a sinistra la sterrata che sale in breve all’ampia Sella del Béigua (1251 m), dove s’incontra l'Alta Via dei Monti Liguri. Piegando a destra sull’Alta Via si raggiunge la chiesetta in cima al Monte Béigua (1287 m).

 

Varazze
Cappelletta delle Faje

 

 

Difficoltà:  E
Dislivello in salita:  500 m circa da Varazze alla Cappelletta delle Fáie;
Tempo di percorrenza:  1.45-2 ore da Varazze alla Cappelletta delle Fáie
Segnavia: croce rossa

E’ una salita facile, che dalla costa porta all’entroterra superando fasce coltivate per inoltrarsi nella macchia mediterranea, raggiungendo la zona boschiva a castagni ed una vasta conca prativa dove sorge la ridente frazione delle Faie, che significa faggeta.

 

SCHEDA TECNICA
Itinerario
Il percorso è segnalato con una croce rossa. Da Varazze (5 m) si segue la strada per Sassello che costeggia il Torrente Téiro (Via Piave). Passati sotto il viadotto dell’autostrada, s’imbocca a destra una scalinata (Via Bianca) che s’innalza fra boscaglie e terrazze, fino a sbucare sullo spartiacque fra Téiro e Arzocco a quota 130 m. Seguendo il crinale verso nord si arriva alle case della Costa di Casanova. Presso la chiesetta dedicata a S. Caterina di Alessandria, la strada si biforca. Si sale a destra in parte su asfalto e in parte su mulattiera, fino alla Cappella del Beato Giacomo (o Beato Iacopo da Varagine, 318 m), sullo spartiacque fra Téiro e Arzocco. La chiesetta è dedicata a Iacopo da Varagine, frate predicatore, scrittore e cronista nato a Varazze intorno al 1230. Si continua in salita verso nord su strada panoramica seguendo sempre la croce rossa. Giunti al crocevia del Passo Lecanà (366 m) si prende una diramazione sterrata che s’innalza sullo spartiacque. Lasciando in basso una discarica di rifiuti, si contorna ad oriente il Bric della Forca. Con una ripida discesa si giunge al Passo del Muraglione (394 m) e, lasciata a destra la strada per il Deserto, si prosegue su asfalto verso Le Fáie. Dopo circa un chilometro si arriva ad un crocevia a quota 440 m circa, dove sorge la Cappelletta delle Fáie.
Proseguento ancora su strada asfaltata per 500 m circa, si lascia a sinistra il sentiero con segnavia + che porta alla vetta del Beigua, e si arriva alla piazza delle Faje, con la chiesa intitolata N.S. delle Grazie.

 

Varazze - Guida Turistica interattiva - @ComuneVarazze